Gli spettacoli

Ecco un elenco parziale delle principali rappresentazioni teatrali della compagnia... in continuo aggiornamento!

  • "Il fiore dell'amor svagato" da W. Shakespeare e autori Dada,  teatro della Gioventù, Genova, gennaio 2009
  • "L'importanza di chiamarsi Ernesto" da O. Wilde, teatro della gioventù e teatro Verdi, Genova, marzo e aprile 2010;
  • "Ragazzi Esemplari" da M. Aub, teatro della Gioventù, Genova, luglio 2010;
  • "Come Lui mentì al Marito di Lei" da G. B. Shaw, teatro della Gioventù e teatro Verdi, Genova, dicembre 2010;
  • "Edipo Re", da Sofocle, centro storico di Genova, cittadella Firmafede di Sarzana, anfiteatro di Libarna (Serravalle), settembre 2011;
  • "Zoo Story", di E. Albee, Studio d'arti sceniche, Genova, novembre 2011
  • "CircoMax" di G. Martinoli, in ricordo dell'artista Max Biaselli, Studio d'arti sceniche, Genova, gennaio 2012
  • "Landscape" di H. Pinter, Studio d'arti sceniche, Genova, novembre 2012
  • "Grasse Matinée" di R. De Obaldia, Studio d'arti sceniche, Genova, dicembre 2012

Ragazzi Esemplari 

a cura di Graziella Martinoli e Barbara Martinoli




Tratto dal “Delitti esemplari” dell’autore spagnolo Max Aub, questo è per noi un testo al quale siamo molto affezionati, nel quale affrontiamo con ironia quei delitti che tutti noi, nell’intenzione, quotidianamente commettiamo: le antipatie, le insofferenze, gli insopportabili incontri della giornata di ognuno, trovano sfogo e si liberano in piccoli delitti senza castigo che scorrono, uno dopo l’altro, davanti agli occhi di chi assiste divertito, per scoprire che, in fondo, siamo forse tutti un po’ assassini.



La pièce è stato messa in scena durante questi anni in molti luoghi "simbolo" della compagnia: inizialmente presso il nostro studio d'arti sceniche (febbraio e novembre 2006), al teatro della Gioventù di via Cesarea (luglio 2010), al Palazzo Reale di via Balbi (settembre 2010), al teatro Verdi di Sestri Ponente (gennaio 2012).




Video della rappresentazione a Palazzo Reale: la qualità è quella che è...




Come Lui mentì al Marito di Lei

a cura di Graziella Martinoli, Barbara Martinoli e Fabiana Malaguti

      fotografia di Giorgio Salvadori

I tre protagonisti, Lei (Lucia Caponetto), Lui (Vittorio de Ferrari) e L’altro (Lorenzo Franco), si trovano immersi in un’atmosfera tesa e difficile, dove il triangolo amoroso può portare ad inevitabili e drammatici finali ma l’ironia e la sapienza di George Bernard Shaw trasformano la tragedia in commedia e regalano un finale inatteso e rivelatore del carattere giocoso e volubile dei personaggi. 

Una graffiante commedia, dunque, sul valore della menzogna, dove la verità risolve e alleggerisce. 

A far da cornice all'intrigo, troviamo quattro attrici della compagnia (Emanuela Bignami, Irene Cimatti, Federica Lùgaro, Dorotea Lauciello), che ricreano con i protagonisti le suggestioni di questa frizzante commedia interpretando con inattesa versatilità i ruoli delle cognate zitelle, costante contraltare alle vicende dei tre protagonisti.

La commedia è stata lanciata presso il nostro studio d'arti sceniche nel giugno 2010 e dopodiché ospitata sul cartellone del teatro della Gioventù di via Cesarea e del teatro Verdi di Sestri Ponente nel dicembre 2010.

Ringraziamo il fotografo Giorgio Salvadori che ha scattato per noi delle immagini davvero suggestive.





Video della rappresentazione al Teatro della Gioventù


Zoo Story

a cura di Graziella Martinoli

 

I due attori Vittorio de Ferrari e Lorenzo Franco hanno affrontato questo impegnativo testo di Edward Albee in tre occasione a distanza di qualche anno: allo studio d'arti sceniche, nel marzo 2007, alla sala Barabino del teatro della Gioventù nel novembre 2008 e di nuovo allo studio di arti sceniche nel novembre e dicembre 2011, all'interno della rassegna "Cene in studio".

Un luogo quotidiano è teatro di un incontro tra due uomini, l'uno con un preciso e sinistro progetto, l'altro ne diventerà l'inconsapevole strumento.









Erodoto dice: il kiki fa bene ai capelli

divertimento teatrale per signore impeccabili 

a cura di Graziella Martinoli



Questo divertimento teatrale è stato definito dalla regista come "uno scanzonato percorso nella vanità, con qualche piccola verità nascosta". Durante la pièce le attrici accompagneranno il pubblico in un lungo viaggio nel mondo delle acconciature maschili e femminili, dall’antichità sino ai giorni nostri.

"Già nel testo dello storico Erodoto, vissuto nel 400 a.C., si parlava di un unguento della seduzione. Il capello era visto come la prima arma di seduzione degli uomini. Nel mio lavoro, ho voluto puntare proprio sull’immortalità di questo concetto. Si parte da Erodoto per andare avanti nel tempo: dai greci ai romani, passando per gli egizi e il loro modo di concepire la parrucca. Risalendo poi verso epoche più recenti, scopriamo la figura di Maria De’ Medici, ovvero la prima donna della storia a tagliarsi i capelli. Scopriremo poi come anche nel passato esistevano le extension e si aveva l’abitudine di tingersi i capelli di altri colori rispetto al proprio“.

Lo spettacolo è stato presentato con grande successo nell’insolita , ma accogliente, location del negozio di Hairstilyst “Glamour” di Piazza Dante 8/2, Genova. Successivamente è stato rappresentato presso lo studio d'arti sceniche e la sala Barabino del teatro della Gioventù nel giugno 2010.



 
Le attrici (e l'attore) che si sono alternate nella rappresentazione sono Emanuela Bignami, Lucia Caponetto, Irene Cimatti, Lucia Di Pace, Federica Lugaro, Luisa Martinoli, Giulia Saccomano, Barbara Martinoli e... Vittorio de Ferrari!




 

 

 

 

Edipo Re

a cura di Graziella Martinoli, Barbara Martinoli e Fabiana Malaguti

 

      fotografie di Giorgio Salvadori

       personaggi semplici e complessi fuori dal tempo
       inghiottiti e restituiti dal coro 

coro
parte integrante e spettatore insieme delle vicissitudini dei protagonisti

interpretazione contemporanea
struttura scenica classica

tensioni emotive attuali
colonna sonora di sole voci e suggestione del fuoco
esaltando l’intreccio emotivo del dramma


       fotografie di Giorgio Salvadori

 

Personaggi e Interpreti
Edipo: Lorenzo Franco
Creonte: Vittorio De Ferrari
Tiresia: Federica Lugaro
Giocasta: Lucia Caponetto
Coro: Emanuela Bignami, Dorotea Lauciello
e Anna Bione, Francesco Cocconi, Giuseppe Grieco, 
Cristina Lagomarsino, Damiano Lauciello, 
Susanna Lauciello, Elena Pagani
Vocalità
Graziella Martinoli, Luisa Martinoli, Elena Cretella




Notte bianca, via Balbi, Genova, 11 settembre 2011
Cittadella Firmafede, Sarzana, 18 settembre 2011
Sito archeologico di Libarna, Serravalle, 25 settembre 2011

       fotografie di Giorgio Salvadori







CircoMax

leoni dopo la pennichella ovvero calcolo integro differenziale

a cura di Graziella Martinoli, Barbara Martinoli e Fabiana Malaguti

CircoMax nasce dalla volontà della compagnia di ricordare l'anniversario di nascita dell'amico, musicista, attore e uomo bizzarro Max Biaselli.






"Questa è una canzone da sotto i pavimenti, questa è la canzone da dove il muro è incrinato. La mia forza d'abitudine, sono un insetto e devo confessare che ne sono orgoglioso di brutto". Piccoli o grandi che siamo, facciamo tutti parte del medesimo circo di vizi e virtù. "Per di qua gente, entrate!".

In scena: Vittorio De Ferrari, Lucia Caponetto, Lorenzo Franco, Federica Lùgaro, Barbara e Luisa Martinoli.
Regia e adattamento: Graziella Martinoli e Fabiana Malaguti.
Movimento scenico: Barbara Martinoli.
Produzione video:
Federica Lùgaro.

1 commento:

  1. Io l'ho visto e dal vivo è una figata!

    RispondiElimina